/ Turistico / Guerrilla marketing

Quali dovrebbero essere le caratteristiche di una efficace campagna di guerrilla marketing per il settore turistico? Prima di tutto la capacità di catturare le emozioni più forti che accompagnano l’idea del viaggio. Curiosità, eccitazione, gioia della scoperta o la sensazione appagante di godersi finalmente un po’ di meritato relax. L’importante è comunicare in modo unico, distinguersi dalla folla. Spesso, se parliamo di guerrilla marketing, tutto questo può essere fatto con un budget ridotto. In ambito turistico non occorre necessariamente promuovere mete esotiche o lontane. Anzi, valorizzare il turismo locale e il territorio sono senz’altro fra gli obiettivi più diffusi di molti operatori turistici, ma anche di istituzioni locali e compagnie di trasporti di ogni genere. Mentre le compagnie aeree tendono a promuovere soprattutto le destinazioni più lontane, capita infatti che quelle ferroviarie o di noleggio auto vogliano promuovere le tratte più brevi.

Il guerrilla marketing, soprattutto nell'ambito turistico, è uno di quegli strumenti che entusiasmano sempre i creativi, ma poi si rivelano assai più difficili da gestire del previsto. Quando si organizza una campagna di guerrilla marketing, infatti, bisogna ricordarsi che si sta cercando di “entrare” nella quotidianità del pubblico, per ottenere l’attenzione dei potenziali clienti, in momenti in cui non necessariamente sono predisposti a concederla. Per questo motivo l’equilibrio è essenziale: basta poco per far percepire la campagna come intrusiva o esagerata. Per fortuna degli operatori del settore, l’industria turistica offre una varietà di spunti per creare ottime campagne guerrilla che risultino sempre “nel posto giusto al momento giusto”. Il bello di lavorare all’interno di un settore come quello del turismo è che si può fare appello a sensazioni interamente positive, prospettando esperienze che generano meraviglia, che coinvolgono e che sono oggetto dei desideri e delle aspirazioni del pubblico, durante i mesi trascorsi a lavorare.