/ Finanziario / Fiere di settore cancellate.

Fiere di settore cancellate.

Che cosa puoi fare se tutte le fiere del tuo settore sono state cancellate?

 

Diciamolo, non si tratta affatto di un “se”. Praticamente tutte le fiere di settore del mondo sono state prima posposte e poi cancellate. Per molte aziende questo è un problema: le fiere sono l’occasione in cui si stringono nuovi rapporti professionali, si incontrano fornitori, si studia la concorrenza, si fa conoscere il proprio brand su nuovi mercati. Certo, il settore degli eventi ha reagito prontamente, convertendo moltissime fiere in esperienze virtuali che si sono rivelate utili ed efficaci quanto e più di quelle tradizionali. Per chi è abituato a partecipare a questi eventi, la situazione ha avuto un impatto sul budget.

 

Chi ogni anno mette da parte un budget per questo genere di eventi, quest’anno non ha avuto modo di spenderlo o almeno di spenderlo tutto, perché le fiere in questione sono state cancellate completamente o perché si sono tenute in modalità virtuale, con costi evidentemente ridotti per i partecipanti (non solo costa meno il biglietto di ingresso, ma si risparmia sulle spese di viaggio e di soggiorno). Che cosa fare con il budget avanzato? Molti risponderanno istantaneamente “nulla: siamo in tempo di crisi!”

 

Sbagliato. O meglio, certamente non fare nulla è un’opzione, ma quand’è stata l’ultima volta che non fare nulla ha aiutato un’azienda a crescere? Proprio perché il momento che viviamo è difficile, diventa essenziale usare al meglio tutte le risorse e approfittare del risparmio “obbligato” sulle fiere per mettere in cantiere qualche piccolo o grande lavoro di “manutenzione” dell’identità aziendale. Se ti serve qualche idea, continua a leggere!

 

ORGANIZZA LA TUA FIERA VIRTUALE.

Un ambiente basato sul web che permette ai suoi membri di creare spazi virtuali 3D realistici. È un’applicazione per aziende. Permette di modellare il proprio spazio espositivo progettando complessi di stanze tridimensionali realistici. Le mostre virtuali possono includere artefatti bidimensionali (per esempio , foto e poster), artefatti tridimensionali (per esempio packaging o piccole installazioni) e video in stre

 

aming.

 

Possono anche essere valutate, discusse e condivise attraverso una moltitudine di opzioni, inclusa la pubblicazione su popolari siti social.

Attraverso uno strumento semplice e interattivo che permette una facile modellazione. Vi si può accedere via internet, usando un comune browser, senza alcun bisogno di software aggiuntivo.

 

 

Solo alcuni dei principali vantaggi:

  • bassi costi di gestione
  • ottimizzazione dell’analisi delle interazioni all’interno della piattaforma (cosa fanno gli utenti? quanti hanno cliccato sul mio prodotto di punta? quanti sono interessati al lancio del mio webinar?)
  • porto a casa mia clienti di tutto il mondo senza farli spostare.
  • Posso settare una campagna geolocalizzata e personalizzare la lingua e l’evento ogni volta per una country differente

 

 

Ci sono sicuramente delle operazioni necessarie prima di approcciarsi a questa pratica e ottimizzare il ROI.

Ottimizza e rinfresca il suo sito

 

Ora che quasi tutte le interazioni avvengono online, il sito web della tua azienda è più importante che mai. Questa è l’occasione perfetta per un restyling, meglio se con la consulenza di un professionista, allo scopo di trasformarlo in uno strumento di vendita davvero efficace. A questo scopo sarà indispensabile creare una landing page funzionale e accattivante, con una CTA chiara. Questa è anche l’occasione ideale per concentrarsi su quella ristrutturazione generale rimandata da tempo, sul miglioramento della SEO e, se necessario, anche su un buon restyling grafico.

 

Se il tuo sito ha un blog, fa

i un’analisi dei contenuti disponibili per determinare quali sono i più funzionali alle vendite, quali migliorano la brand awareness e, in generale, quali funzionano meglio con il tuo pubblico. A questo scopo può anche essere utile avvalersi di strumenti come Google Search Console, che è parte della suite di Google e permette di sapere quali parole chiave sono alla base delle ricerche che portano visite e clic al tuo sito. Questo ti aiuterà a individuare i temi che i tuoi utenti trovano più interessanti.

Rendi più efficace la tua newsletter

 

La newsletter è uno degli strumenti di marketing più efficaci e più sottovalutati in assoluto. Se la tua languisce da mesi o da anni, con un design ormai vecchio e una CTR troppo bassa per essere rilevante, vuol dire che è il momento di rimetterci mano e trasformarla in una vera e propria macchina da lead. Prenditi il tempo per ristrutturarne la grafica e la leggibilità e integrala con i tuoi analytics per capire come creare contenuti esclusivi adatti ai tuoi potenziali clienti. Ricordati di offrire sempre qualcosa di esclusivo, in modo da incentivare la lettura e l’apertura dei link.

 

Se i tuoi contatti non vengono aggiornati da tempo, approfittane per ripulire la tua lista dagli indirizzi inattivi e per aggiornarla con nuovi indirizzi.

 

Crea contenuti multimediali

 

Questa è senza dubbio l’era dei webinar, dello streaming e dei video. Se non l’hai ancora fatto, investi nella creazione di contenuti multimediali, sfruttando tutte le piattaforme su cui il tuo brand è presente. Che si tratti di un video-tutorial sull’utilizzo dei tuoi prodotti o di un live stream nel quale interagisci direttamente con gli utenti e rispondi alle loro domande, questo tipo di contenuto ti aiuterà non solo a far crescere l’esposizione del brand, ma può trasformarsi anche in uno strumento di generazione di lead e perfino di vendita diretta. Se organizzi un webinar puoi anche ipotizzare di richiedere un fee d’ingresso, purché le informazioni che intendi condividere siano davvero utili e interessanti per chi lo seguirà.

 


    Leave a Comment