Marketing non Convenzionale Ottobre 9, 2023

Il successo del film “Barbie”: il dietro le quinte del guru del marketing della Warner Bros

barbie

In un’illuminante intervista rilasciata a Variety nel mese di luglio, Josh Goldstine, presidente del marketing della Warner Bros, ha parlato di quella miscela unica di strategia e intuizione che ha portato il film “Barbie” a un successo senza precedenti.

Iscriviti alla newsletter e ricevi il mastery marketing con le nostre idee pronte all'uso per il tuo brand!

    Less is more: il potere della pubblicità che non rivela troppo

    Goldstine ha rivelato che il trionfo del film di Greta Gerwig risiede in un approccio di marketing assolutamente non convenzionale, fatto di poche informazioni, pochi spot e molto clamore. A questo si è aggiunto l’uso strategico della polemica, arte difficilissima da dominare, ma che in questo caso ha raggiunto vette di pura eccellenza. 

    Parlando dello slogan “Se ami Barbie, questo film è per te. Se odi Barbie, questo film è per te”, Goldstine ha infatti spiegato che la fama planetaria della creatura della Mattel ha suscitato, nel tempo, reazioni contrastanti. Perché quindi includere solo i supporter della celebre bambola, escludendo i detrattori? 

    Contattaci per aumentare la reputazione del tuo brand.

    “La parola ‘odio’ è complicata nel marketing e di solito non la usiamo. In questo caso, però, ha permesso a decine di persone di guardare questo film e di rendersi conto che comprendeva il viaggio che Barbie ha fatto negli ultimi 45-50 anni” è il commento di Goldstine. Questa geniale operazione di marketing è riuscita ad attirare tutti e si è quindi rivelata vincente, mentre sui social si sono moltiplicati i contenuti “dedicati”: lodi, critiche, parodie, tutto ha agito da cassa di risonanza, con un’eco sempre maggiore e inarrestabile. 

    Partnership strategiche per un “fenomeno pop” 

    Le partnership hanno avuto un ruolo fondamentale nella definizione dello stile visivo del film. Goldstine ha precisato che alcune riguardavano accordi di licenza con Mattel, mentre altre erano con marchi che hanno deciso autonomamente di aderire allo schema cromatico ed estetico del film. Questo ha creato un trend potentissimo, in cui elementi di moda mainstream si sono allineati al prodotto della Warner Bros, facendolo diventare un fenomeno pop globale.

    Rompere gli stereotipi: un product placement non ordinario

    Il film “Barbie” sfoggia un product placement unico e totalmente anticonvenzionale, arrivando a prendere in giro la sua protagonista e il suo mondo con un ironia e un’autoironia decisamente insolite, in una prospettiva commerciale. Parliamo, per intenderci, di un film sulla Mattel, approvato dal brand e con una trama che comprende alcuni momenti in cui i dirigenti del marchio vengono distorti in modo umoristico e spregiudicato.



    In un’intervista al Guardian, Goldstine parla apertamente di un atto di coraggio da parte dell’azienda, che ha accettato il rischio e ha scelto di “essere a proprio agio nel non essere messa a proprio agio”. Questo approccio è risultato vincente, conquistando il pubblico proprio perché non è andato “sul sicuro”.

    Sfruttare i social media e i meme per ottenere popolarità

    Ancora prima dell’uscita del film, si è verificato un significativo picco di popolarità grazie ai social media e a trovate geniali come la diffusione dei meme “Barbenheimer” su TikTok, con un crossover tra i due film più famosi in quel momento, “Barbie” e “Oppenheimer”. La tendenza è diventata presto virale, con i due film a farsi da traino reciprocamente finendo, da competitor, per guadagnare punti con la sinergia.

    Anche andare alla proiezione del film indossando qualcosa di rosa è diventato presto una moda, alimentata in sala così come sulle piattaforme e gli spettatori sono diventati parte attiva di un’ulteriore promozione.

    Insomma, le riflessioni di Goldstine gettano una luce chiara e forte sulle strategie pubblicitarie che hanno sancito il successo di “Barbie” ben oltre il tetto dell’investimento mobilitato, che in ogni caso è stato più che ingente. 

    Stimolando l’attenzione collettiva con poche informazioni, ma ben mirate, abbracciando sia i fanatici che i detrattori di Barbie e coinvolgendo creativamente il pubblico, sia online che offline, Warner Bros è riuscita a trasformare il film in un vero e proprio fenomeno culturale

    Questa innovativa saga del marketing è quindi un esempio lampante di come sia possibile infrangere le tradizionali norme di promozione per costruire un pubblico ampio, coinvolto e curioso. Risultando vincenti.

    Contattaci per aumentare la reputazione del tuo brand.

    Iscriviti alla newsletter

      Post correlati
      Co-branding: perché è un’ottima strategia
      Marketing non Convenzionale
      Maggio 22, 2024
      Co-branding: perché è un’ottima strategia
      Il co-branding rappresenta un esempio di “simbiosi competitiva” che ha in parte rivoluzionato il mercato. Questa strategia può sembrare apparentemente…
      Leggi tutto
      Costruire un brand partendo da zero 
      Marketing non Convenzionale
      Marzo 20, 2024
      Costruire un brand partendo da zero 
      Eccoci qui, all’alba di una nuova avventura: costruire un brand partendo da zero. Ma come si fa? Di sicuro non…
      Leggi tutto
      Brand goodwill: che cos’è, perché è importante e come si costruisce
      Marketing non Convenzionale
      Marzo 6, 2024
      Brand goodwill: che cos’è, perché è importante e come si costruisce
      “Non tutto ciò che conta può essere contato”. Questa frase è normalmente attribuita al grande Albert Einstein, ma di chiunque…
      Leggi tutto