/ Happy hour marketing / La formula magica della crescita (3 consigli e un esempio pratico)
crrscita marketing ispirazione

La formula magica della crescita (3 consigli e un esempio pratico)

La crescita è un tema scottante, per moltissimi brand. Tutti hanno bisogno di espandere il proprio business, tutti sono alla ricerca di strategie che permettano di ottenere grandi risultati con budget contenuti, tutti hanno fretta. Certo, le scorciatoie che sembrano troppo facili sono sempre da guardare con diffidenza, ma ci sono alcuni elementi che, se inseriti correttamente in una strategia di crescita, possono davvero fare la differenza fra un percorso lento e accidentato e una clamorosa accelerata alla conquista del mercato. Quando parliamo di crescita, ovviamente, parliamo tanto di campagne di marketing quanto di strategie a lungo termine. L’obiettivo è sempre lo stesso: attrarre e mantenere l’attenzione del pubblico, distinguendosi dalla concorrenza. Ogni brand, naturalmente, fa storia a sé, ma ci sono alcuni consigli che ci sentiamo di condividere con tutti.


    1. Fare sempre almeno una rivoluzione, se si può

    Questo potrà sembrare un consiglio singolare. Dopo tutto, non ogni singolo brand che si affaccia sul mercato si può definire “rivoluzionario”. Soprattutto nei settori dove la concorrenza è più alta, tuttavia, è indispensabile presentarsi da subito con un’identità forte e ben distinguibile. E come ci si distingue dalla concorrenza? Facendo una rivoluzione. Non la rivoluzione, ma almeno una rivoluzione. Prendiamo l’esempio di Casper, un brand di materassi che vende online, soprattutto in USA e Canada, e che ha saputo conquistarsi una fetta consistente del proprio mercato. Che cosa si potrà mai rivoluzionare in un settore così poco emozionante come quello dei materassi? Casper ha iniziato dal packaging, che influenza tutto il processo di vendita. I materassi vengono acquistati online, con garanzia, e consegnati in un pratico scatolone dalle dimensioni sorprendentemente ridotte. Dentro a ogni scatola, il materasso è piegato e compresso, sottovuoto. Una volta tolto dal suo involucro, tornerà alle dimensioni normali e sarà pronto per l’uso. Per valorizzare questa particolarità, Casper invita i clienti a documentare sui social questo momento, sfruttando il popolarissimo trend dei video di unboxing.

    2. SEO, con intelligenza

    C’è chi pensa che fare SEO voglia dire semplicemente ottimizzare il proprio contenuto online, perché sia facilmente reperibile da chi ricerca le parole chiave più vicine al prodotto che si vuole vendere. Naturalmente, questo è un passaggio importante della strategia SEO, ma non è tutto. Bisogna infatti tenere presente che raramente chi effettua un acquisto online (o chi prende la decisione di acquistare durante la navigazione) ha ricercato specificamente il nome del prodotto che finirà per acquistare. Assai più spesso, le ricerche hanno a che fare non con il prodotto, ma con l’utente e con le sue necessità e i suoi problemi. Per questo motivo, per esempio, una gamma di prodotti per capelli potrà concentrarsi su parole chiave ovvie, come “shampoo”, “balsamo” o “gel”, ma farebbe bene anche a preoccuparsi del ranking su ricerche più specifiche, per esempio “come ravvivare i capelli secchi” o “tutorial per acconciature”. Imparare a venire incontro alle esigenze del proprio target è uno strumento di crescita essenziale.

    Crescita e link building

    Chi si occupa anche solo tangenzialmente di SEO, conosce l’importanza del link building. Avere una solida struttura di link, collegati al proprio sito, permetterà al brand di accelerare la crescita, migliorare il ranking e, se l’operazione è ben gestita, aumentare le vendite. Naturalmente è essenziale che i link siano autentici e provenienti da siti rispettabili. Un modo semplice per costruire rapidamente una buona struttura di backlink è quello di offrire il proprio prodotto come parte di una convenzione, a una certa categoria di persone. Un esempio tipico è quello delle scuole e università che offrono sconti ai propri studenti, ma anche delle banche e delle assicurazioni, che inseriscono questo genere di offerte fra i benefit per i propri clienti. In questo modo, oltre a promuovere la crescita tramite l’acquisizione di nuova clientela, si migliorerà anche il proprio ranking con l’aggiunta di backlink provenienti dal sito del partner commerciale in questione. Anche i link di referral sono un’ottima idea: è senz’altro più facile essere ospitati da siti affidabili, se si offre una commissione sulle vendite che il link potrà generare.

    Conclusioni

    Questi tre consigli, ovviamente, non formano da soli una strategia di crescita completa e conclusa, ma sono tre ottimi pilastri dai quali partire. Qualsiasi strategia, per essere davvero efficace, dovrà essere costruita su misura per il brand e per il mercato.