/ Happy hour marketing / Future Brand Index 2021 le migliori 100 aziende in termini di percezione del Brand.

Future Brand Index 2021 le migliori 100 aziende in termini di percezione del Brand.

Agenzia Marketing come creare un Brand: Future Brand Index 2021 le migliori 100 aziende in termini di percezione del Brand.

 

Uno dei temi caldi dell’economia, nelle ultime settimane, è il FutureBrand Index del 2021. Per chi non lo conoscesse, è uno studio annuale, giunto alla sua settima edizione. La nostra agenzia marketing indica alcuni spunti per creare un brand.

 

Lo scopo dello studio è stilare un ranking delle 100 aziende che hanno riportato i risultati migliori, a livello globale, in termini di percezione del pubblico.

 
La caratteristica di questo studio è quindi il focus sul branding, più che sui risultati strettamente finanziari.
 
Non stupisce, quindi, che al top della classifica ci siano solitamente i più grandi e conosciuti brand B2C. Ebbene, quest’anno le cose sono cambiate: nel 2021 a dominare sono i colossi del B2B.
 
L’impatto della pandemia
 
La pandemia di Covid ha cambiato il mondo, l’economia, la percezione di ciò che ci circonda e la nostra stessa idea di futuro.
 
In quella che sembra una corsa frenetica a superare le difficoltà, a trionfare in termini di affidabilità percepita e quindi di popolarità sono le aziende che puntano in modo consistente sull’innovazione e che si fanno leader del cambiamento, invece di subirlo passivamente.
 
In altre parole, in un momento storico in cui tutti siamo stati costretti a essere reattivi, vince chi sa dimostrarsi proattivo, offrire un’immagine di futuro vivibile e desiderabile, creare opportunità di benessere e prosperità futura. Asset intangibili che in questa fase sono fondamentali per tutti noi.
 
Il trionfo delle aziende sanitarie
 
Non stupisce, quindi, che i colossi della sanità e della ricerca siano arrivati a scalzare anche alcuni dei più popolari consumer brand degli ultimi anni.
Nomi come Pfizer, per esempio, hanno guadagnato credibilità e forza percettiva almeno quanto Amazon.
ha incrementato i profitti negli ultimi due anni. Anche brand prima relativamente sconosciuti ai consumatori, come ASML e Danaher, hanno subito un’impennata nella percezione del pubblico.
Allo stesso modo, anche i colossi tecnologici hanno rafforzato la propria brand awareness, dal momento che molte attività umane si sono spostate dall’interazione diretta a quella virtuale. In pratica, a vincere nella percezione dei consumatori sono stati quei brand che ci forniscono ciò di cui abbiamo più bisogno: strumenti per proteggere la nostra salute e piattaforme per continuare a incontrarci e a lavorare in sicurezza.
Benessere e comodità
 
Come accennato sopra, Amazon ha prosperato più che mai durante la pandemia, divenendo per i consumatori sinonimo di benessere. La necessità di trattarsi bene, di concedersi dei piaceri durante i lunghi periodi di lockdown e spesso nel mezzo di una grave recessione, ha coinciso per milioni di persone con la possibilità e la praticità di fare acquisti online, vissuti come forme di autoindulgenza alla quale tutti abbiamo diritto in questo momento difficile. Il che è ancor più vero se tali piaceri possono essere raggiunti con una spesa contenuta. Questo cambiamento nella percezione ha aiutato a controbilanciare tutti gli elementi negativi della brand identity di un marchio come Amazon, legati per lo più alle pratiche di mercato spesso criticate e alla controversa figura di Jeff Bezos.
 
Come sta cambiando il nostro modo di percepire i brand
 
Il pubblico, tanto quello B2B quanto quello dei consumatori, non cerca più nei brand dei fornitori di prodotti e servizi, ma degli alleati. In un momento di grave crisi, si conferisce priorità in modo deciso a quelle aziende che sono in grado di mantenere la promessa di sicurezza e benessere che il nostro futuro prossimo sembra negare e che il presente prevede in quantità assai ridotta. Con la pandemia ormai alla sua quarta ondata e una grande difficoltà gestionale delle economie mondiali, l’incertezza è il sentimento negativo dominante e tutto ciò che ci aiuta a combatterla è inevitabilmente benvenuto. I brand che hanno saputo avvantaggiarsi di questo fenomeno hanno ottenuto i risultati migliori.


    Leave a Comment